Piazza del Popolo vuole la data del Congresso. Democratica 2.10.2018

Diciamoci la verità: in questo preciso momento, nel bel mezzo della instancabile propaganda di un governo populista che sembra avere il vento in poppa nel gradimento di larga parte dei cittadini, la straordinaria partecipazione popolare alla manifestazione di domenica scorsa a Piazza del Popolo se l’aspettavano davvero in pochi. Gli stessi media, che ormai da un bel po’ sembrano più occupati a fare le pulci all’opposizione anziché incalzare le nuove forze di governo sugli enormi rischi a cui stanno esponendo il paese, erano pronti a scommettere su un nuovo fallimento, sull’abbandono dell’ultimo baluardo rimasto in dotazione al nostro partito, e cioè il suo popolo.
E invece questa gente, che in realtà non rappresenta il fortino estremo ma è l’esclusiva tenutaria del marchio “Partito Democratico” era lì, in quella splendida ed assolata piazza, a riempire i nostri vuoti e mancanze, a perdonarci in qualche modo anche gli errori compiuti.
Ebbene, tutti indistintamente ci siamo detti che è da piazza del Popolo che dobbiamo ripartire, che è a quelle decine di migliaia di persone che intanto dobbiamo delle risposte. E’ sacrosanto: certo che rispondiamo. Ma aggiungo: facciamolo adesso e subito, che è già tardi.

E chissà se, iniziando da adesso il percorso congressuale, così come avvenuto domenica scorsa, questa nostra gente non possa finire di stupirci ancora una volta, magari andando ad ingrossare, contro ogni attuale aspettativa, le code ai gazebo durante le primarie. Se davvero vogliamo dare le risposte a quella piazza ripartiamo da qui, confrontiamoci e scegliamo. Ma facciamolo nella nostra sede naturale, nel Congresso. Ci vuole la data nelle prossime ore, non chissà quando. Solo così avremo risposto al nostro popolo e vedrete che questo popolo ci ripagherà.

Piazza del Popolo vuole la data del Congresso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *