Donne: la violenza è permanente, la lotta pure. Democratica 24.11.2018

In Italia sono 3.100 dal 2000 le donne uccise da chi diceva di amarle. Più di 3 donne a settimana perdono la vita a causa di violenza. Fermatevi un secondo a pensare. Dietro quel tre, ci sono tre nomi. Tre volti. Tre persone con il loro mondo.
Le statistiche ci aiutano a definire un fenomeno. A circoscriverlo. Ma ricordiamoci che raccontano la storia di persone che hanno lottato, amato, sognato. Che hanno cercato di resistere. E che la vita ha piegato, con la barbarie. Altrimenti sarebbero ancora qui.
Da gennaio a ottobre del 2018 sono 70 le donne assassinate dagli uomini. Tante anche le donne che hanno cercato aiuto: secondo l’Istat, in 50mila si sono rivolte ai Centri antiviolenza nel 2017, il 26,9% sono straniere, il 63,7% ha figli, nel 70% dei casi sono minori.
Numeri agghiaccianti che raccontano di un emergenza che continua a crescere. Un emergenza che ancora non viene affrontata come merita. Un emergenza permanente.
Per questo il 25 novembre in occasione della giornata internazionale contro la violenza di genere riprende lo stato di agitazione – definito da chi partecipa come ormai permanente – con lo scopo di arrivare allo sciopero globale delle donne dell’8 marzo.

Donne: la violenza è permanente, la lotta pure

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *