La prima Direzione di quiete. Le scelte di Zingaretti. Democratica 26.03.2019


Zingaretti.”Alla mezzanotte del 26 maggio il mondo e l’Europa guarderanno dove sarà arrivata la nostra colonnina. Il nostro simbolo sarà quello del Pd con un riferimento al gruppo Socialisti e democratici e la scritta ‘Siamo europei’”. Ecco come il Pd si presenterà alle Europee, elezioni decisive nelle quali “non va disperso un voto”, grazie a “liste aperte” che esprimano “il meglio dell’europeismo italiano”. Massima attenzione dunque alla qualità delle candidature più che alle alchimie partitiche. Tanto è ormai chiarito che la lista europea del Pd sarà aperta ma sarà del Pd, data l’indisponibilità dei soggetti contattati come +Europa. Carlo Calenda, presente alla relazione, soddisfatto per il richiamo a “Siamo europei” nel logo.
Strada “lunga”, davanti al Pd. L’idea resta quella di “un campo che ripropone all’Italia un nuovo possibile bipolarismo: da una parte un centrosinistra con dentro un Pd da rafforzare e su cui scommettere, e dall’altro la destra”. C’è qualche possibilità in più. L’unità del Pd. I nuovi soggetti. la voglia di partecipazione di tanta gente. E attenzione: “il possibile sfarinamento del Movimento Cinque Stelle”.
In questo quadro, il tema delle alleanze. Large, larghissime nelle battaglie elettorali locali (nei prossimi mesi saranno migliaia i comuni chiamati al voto): tutti d’accordo su questo, specie, com’è naturale, i dirigenti periferici.

PD Circolo di Cambiago

Uniti per Cambiago20+

Gente della Torrazza dei Mandelli.(sem dela Turascia)-A.t.c.c. informativo1

Sei di Cambiago Se….

Cambiago

Corpo Musicale Cambiaghese5Altro…Trascina per riposizionareCambia l’immagine di copertina del gruppoIscrittaNotificheCondividisettingsAltroInvita membriIncorpora l’invitonote

Invita

3 membri

Membri
Membri suggeriti

Nascondi

Membri suggeriti

Amici

Altro…

Descrizione

Modifica

Descrizione

Il Circolo PD di Cambiago nasce nel gennaio del 2008, solo pochi… mesi dopo l’istituzione del Partito democratico, autunno 2007.
Sono molte le persone che si sono dedicate con entusiasmo e generosità alla costituzione del Coordinamento di Circolo, come allora si chiamava. Ma i tempi, come sappiamo, son cambiati e, vuoi per ragioni anagrafiche, vuoi per le difficoltà oggettive, è necessario che le idee e l’impegno camminino “sulle gambe di altri uomini”. E il nostro invito è rivolto ai giovani, ma non solo. Siamo convinti che nelle piccole comunità, così come nelle periferie delle grandi città, la presenza di un Circolo del Partito democratico possa svolgere, tra le forze di sinistra e di centrosinistra, un’azione di mediazione e di sintesi per costruire indirizzi e proposte politiche, senza penalizzare l’identità di ciascuno, riconoscendo nell’unità un valore importante.
E in questa direzione, considerando il dialogo e il confronto valori irrinunciabili, pensiamo che la disponibilità e l’apertura del Circolo al territorio siano fondamentali, come lo sono le regole della democrazia e il rispetto delle Istituzioni.
Abbiamo anche il blog: https://www.pdcambiago.it/

Altro…

Luogo
Luogo

Aggiungi luogoAltro…Crea nuovi gruppiCon i gruppi è più semplice che mai condividere contenuti con amici, familiari e colleghi.Crea un gruppoFoto recenti del gruppoMostra tutto

Italiano · English (US) · Română · Español · Português (Brasil)Privacy · Condizioni · Pubblicità · Scegli tu! · Cookie · Altro Facebook © 2019  

Trascina qui link, foto o videoRilascia il linkTrascina foto o videoRilascia le foto

Notizie

NUOVE ATTIVITÀ

Maria Angela Mantegazza ha condiviso un link.

6 min

Zingaretti.”Alla mezzanotte del 26 maggio il mondo e l’Europa guarderanno dove sarà arrivata la nostra colonnina. Il nostro simbolo sarà quello del Pd con un riferimento al gruppo Socialisti e democratici e la scritta ‘Siamo europei’”. Ecco come il Pd si presenterà alle Europee, elezioni decisive nelle quali “non va disperso un voto”, grazie a “liste aperte” che esprimano “il meglio dell’europeismo italiano”. Massima attenzione dunque alla qualità delle candidature più che a…lle alchimie partitiche. Tanto è ormai chiarito che la lista europea del Pd sarà aperta ma sarà del Pd, data l’indisponibilità dei soggetti contattati come +Europa. Carlo Calenda, presente alla relazione, soddisfatto per il richiamo a “Siamo europei” nel logo.
Strada “lunga”, davanti al Pd. L’idea resta quella di “un campo che ripropone all’Italia un nuovo possibile bipolarismo: da una parte un centrosinistra con dentro un Pd da rafforzare e su cui scommettere, e dall’altro la destra”. C’è qualche possibilità in più. L’unità del Pd. I nuovi soggetti. la voglia di partecipazione di tanta gente. E attenzione: “il possibile sfarinamento del Movimento Cinque Stelle”.
In questo quadro, il tema delle alleanze. Large, larghissime nelle battaglie elettorali locali (nei prossimi mesi saranno migliaia i comuni chiamati al voto): tutti d’accordo su questo, specie, com’è naturale, i dirigenti periferici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *