NOTA ai CONSIGLI COMUNALI di LUGLIO 2020. UNITI PER CAMBIAGO 30.08.2020

NOTA  ai CONSIGLI COMUNALI dell’8 luglio e 29 luglio  2020

PGT: Il Piano di Governo del Territorio è finalmente approdato nel primo Consiglio di luglio. Sono trascorsi tre anni dall’avvio del procedimento di  Revisione (giugno 2017 – luglio 2020) un  iter così lungo non è certamente esempio di efficiente e buona amministrazione.  Abbiamo sottolineato che la Commissione di Governo del Territorio, da noi più volte richiesta, è stata istituita solo il 31 luglio 2019, a due anni dall’avvio della revisione del PGT e che la medesima Commissione è stata convocata una sola volta in ottobre , impedendo di fatto un serio confronto con le minoranze.

Durante la discussione abbiamo rilevato che sul sito ufficiale del Comune non erano pubblicati  i documenti in approvazione (Documento di Piano, Piano delle Regole e Piano dei Servizi), come recita l’art. 39 della Legge sulla Trasparenza. Inoltre,  il Servizio azioni per la sostenibilità territoriale della Città metropolitana  riscontrava, in una lettera protocollata  giugno 2019,  la mancanza di documentazione sul portale regionale, che impediva una “valutazione puntuale  dello strumento urbanistico oggetto di procedura VAS”.

Considerata l’importanza di quanto rilevato, abbiamo chiesto che fosse messo in votazione il rinvio dell’Atto in approvazione.  I gruppi di minoranza sono stati favorevoli alla nostra proposta, la maggioranza ha espresso voto contrario. Noi possiamo avere gli argomenti,  ma loro hanno i numeri!

Consumo di suolo: considerato che hanno concesso delle trasformazioni di superficie da zone agricole in zone edificabili , abbiamo chiesto ai Professionisti se fosse stato rispettato il “Bilancio ecologico sostitutivo” come previsto dalla legge Regionale. Avendo avuto una risposta affermativa, se ne assumono anche la responsabilità.

Parco di Villa Perani:  L’arch. Mossolani ha esordito dicendo che il loro PGT “ha salvato” il Parco da una prevista “trasformazione residenziale”, affermazione non veritiera e scorretta, immediatamente da noi  smentita, sentendoci coinvolti  in considerazione dell’ impegno e dello sforzo della nostra Amministrazione per ottenere e salvaguardare  un “polmone  verde” nel centro storico del Paese. Dopo chiarimenti,  Mossolani si è scusato per il grave errore della  sua affermazione.

Bilancio: negli ultimi due anni l’Organo di Revisione ha espresso più volte raccomandazioni e rilievi a proposito del recupero da evasione dei tributi comunali IMU, TASI e TARI  in quanto “non sono stati conseguiti i risultati attesi, in particolare le entrate per il recupero dell’evasione”. A tal  proposito, non avendo ottenuto  un chiarimento esaustivo, abbiamo presentato la mozione in allegato, che sarà discussa nel prossimo Consiglio.                                                                                                                           

Abbiamo riproposto la ristrutturazione dell’edificio ex-scuola di Torrazza, considerando il cospicuo contributo della Regione per l’emergenza Covid, destinato al Comune di Cambiago, di 377.000 Euro. Ricordiamo come la decisione di questa Amministrazione di rinunciare al diritto di prelazione di una farmacia nella frazione, sia stato un errore. Abbiamo visto e constatato in questo periodo di emergenza sanitaria il ruolo delle farmacie quale presidio sanitario sul territorio. Rinunciare ad avere una farmacia in una frazione di oltre mille abitanti, senza avere la possibilità di un dispensario in sostituzione, mostra, ancora una volta,  una visione miope della gestione pubblica, spiegabile solo da un pregiudizio di parte.

Cimitero: siamo intervenuti denunciando una situazione indecorosa per come viene gestito il nostro cimitero.  L’assenza di manutenzione dei sentieri dà un’immagine di degrado e di abbandono, una mancanza di rispetto a ricordo dei nostri cari e alla storia di una comunità. Basta il confronto con i cimiteri dei Comuni limitrofi per rendersi conto di cosa significhi averne cura.  Ci saranno a Bilancio Euro 300.000 per la messa in sicurezza del settore loculi, essendo l’accesso interdetto al pubblico da oltre un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *